BLOG2 di Leonardo Donofrio


CONTATTI info + 39 346 6872531 CLICCA QUi>>>




sabato 6 ottobre 2012

Una gita sociale alla scoperta dei Rioni di San Colombano al Lambro


 IL Centro Socio Ricreativo Culturale per Anziani "Ricordi"  Milano
SABATO 13 ottobre 2012 a San Colombano al Lambro

·         San Colombano al Lambro è un Comune Italiano facente parte della Regione Lombardia collocato su un rilievo collinare della bassa pianura padana ai confini con l'Emilia Romagna. San Colombano al Lambro prende parte del suo nome da un monaco evangelizzatore irlandese e dal Lambro fiume lombardo che lo attraversa. Esso è ritenuto un exclave della Provincia di Milano in quanto il suo territorio dista circa 20 km dalla provincia che lo amministra e i propri confini si trovano tutti all'interno di un'altra provincia quella di Lodi. Principalmente conosciuto per la produzione del famoso vino DOC di Milano, il San Colombano appunto, risulta essere anche un luogo ricco di storia e cultura merito delle sue antiche borgate e del suo imponente Castello, distrutto e poi riedificato da Federico Barbarossa.”

·         E' nell'anno 1514, che si rileva il passaggio nelle nostre terre di Leonardo Da Vinci (1452 - 1519). 


 In viaggio da Milano a Roma, il 27 settembre, si ferma con i suoi discepoli ai piedi dei colli banini. A conferma di ciò, nel codice "B" dello stesso Leonardo, è presente un disegno riguardante il corso del fiume Po'. In quei tempi infatti, il fiume risultava nelle stretta vicinanze del Borgo  San Colombano                                                                                                                                                               .

Francesco Petrarca, nell'anno 1353, fu ospite nel castello di Giovanni Visconti, Arcivescovo di Milano. In questa occasione scrisse una lettera a Guido, Arcivescovo di Genova, il 21ottobre 1353, decantando il luogo di san Colombano.

Ore 12 pranzo conviviale con musica spontanea dal vivo al *Ristorante Gerette  Via Lodi, 9B San Colombano a Lambro   

 *Ristorante tipico italiano, attento e rigoroso nel rispetto delle tradizioni culinarie e dolciarie locali.